Villaggio in Campania

Quest’anno rinunciate alle vacanze costose e macchinose, scegliendo una meta più vicina a voi, ma con gli stessi paesaggi da sogno di una meta esotica. La meta che vi suggeriamo oggi è la Campania, per cui troverete delle offerte uniche, che siate un gruppo di amici o una famiglia con bambini o ancora una coppia. Scegliete la vostra vacanza in villaggio in Campania e cominciate a dare un’occhiata alle nostre offerte che fanno riferimento a villaggi e strutture ben attrezzate e per tutti i gusti. La Campania è circondata da una parte dal Mar Tirreno e dagli Appennini e dall’altra da paesaggi meravigliosi, così belli sa sembrare addirittura surreali. L’opzione villaggio vi permetterà di visitare questa bellissima terra e di rilassarvi in strutture da noi preselezionate, dove troverete solo il meglio per le vostre necessità e un team pronto a soddisfare ogni vostro desiderio.

leggi

google-76517_640

È difficile immaginare internet senza motori di ricerca. Fin da quando è nato i motori di ricerca sono stati decisivi e fondamentali per trovare informazioni e organizzare i siti in modo che gli utenti potessero cercarli. Prima dell’avvento del web 2.0 generato dagli utenti, il web era popolato principalmente da specialisti che offrivano contenuti agli internauti senza che questi potessero concorrere a svilupparli. Oggi la stragrande maggioranza del contenuto online è generato dagli utenti sotto forma di post, tweet, condivisioni, articoli, foto, video e thread in forum.

leggi

Come convertire file pdf in excel

È molto comune trovarsi a convertire file pdf in excel o in altri formati, sia per ragioni lavorative, sia personali, spesso magari riguardanti lo studio o l’università. Convertire file pdf in excel non è infatti una operazione molto semplice, soprattutto se il formato di cui parliamo è il PDF che è difficilmente modificabile e in cui non funziona il copia ed incolla. Altrettanto difficile è estrarre i dati contenuti in pdf, soprattutto in tabelle. Capita quasi sempre che nel convertire pdf in excel si perdano alcuni dati ed è anche molto difficile mantenere esattamente le stesse strutture del file originale. Fortunatamente oggi abbiamo il web a nostra disposizione, che trova sempre soluzioni a problemi del genere. Non è qualcosa da sottovalutare, perché l’impossibilità di trasferire dei dati da un formato all’altro può rappresentare un problema insormontabile, tanto da portarci a consultare un professionista o un tecnico del campo che ci aiuti. A risolvere tutti questi problemi però ci sarà Tabex, un nuovo software che vi permetterà di convertire facilmente tutti i vostri documenti.

leggi

abbronzatura

Tempo d’estate, tempo di esposizione solare e abbronzatura. In queste settimane e per tutta la bella stagione fioccano i consigli su come prendere l’abbronzatura. Fa bene? Fa male? Che rischi si corrono senza adeguate protezioni? Il sole è fonte di vita, lo sappiamo fin da quando camminiamo su questo pianeta. Anche prima che la medicina ufficiale lo scoprisse, prendere il Sole era considerata una cura contro i malanni e contro le debolezze filologiche dell’organismo. Il motivo dipende – oggi dalla sappiamo – dalla produzione di vitamina D dovuta all’irraggiamento solare, che però in inverno viene meno. Prendere sole in modo consapevole fa quindi bene, ma l’esposizione costante, notata in persone che per motivi di lavoro stanno sempre esposte alla luce, fa male: invecchia la pelle e può portare alla generazione di tumori come il melanoma.

leggi

imparare una lingua

Chi non ha mai coltivato il sogno di imparare una lingua in poco tempo, come succede al protagonista (malato) di Phenomenom o (drogato) di Limitless? Al mondo pare esistano persone in grado di imparare a parlare, scrivere e padroneggiare una lingua in pochissimo tempo. Alcuni di questi rientrano nella categoria dei savant (saggi) persone dotate di un’intelligenza selettiva particolare dedicata a una specifica area, spesso affetti da sindrome autistiche. Il caso di Rain Man, il celebre film con Tom Cruise e Dustin Hoffman lo ricorda bene. Il sogno però di imparare una lingua da autodidatta, facendo delle lezioni in casa, seguendo un metodo basato su dei corsi audiovisivi è presente in tanti. Ricordo personalmente come la De Agostini, già negli anni ’80 distribuisse un corso per imparare l’inglese in musicassetta con dispense a cadenza mensile.

leggi

jim-jones

Spesso sentiamo parlare delle sette religiose int termini poco lusinghieri. Ed effettivamente da quando si è diffuso il Cristianesimo un po’ ovunque, ma soprattutto nei territori esterni all’Europa, questo termine è tornato spesso di moda, per la nascita delle chiese di tipo evangelico protestante. I fenomeni di settarismo erano già presenti e conosciuti nell’antichità nell’ambito delle religioni precedenti al cristianesimo. Ad esempio: l’ebraismo aveva conosciuto i farisei, i Sadducei, gli Esseni, i seguaci di Qumran. Il mondo islamico ha conosciuto la setta degli Assassini, dei Drusi e degli Israeliti; gli induisti hanno visto la nascita degli Hare Krishna “gli arancioni”. L’analisi delle sette dal punto di vista dei contenuti non può comunque esaurirsi a un mero fenomeno religioso. Spesso abbiamo avuto sette nate all’interno dei movimenti politici, che si sono costituite magari in società segrete, oppure costrette dal potere egemone a dotarsi di elementi distintivi particolari. Certamente fanno parte del settarismo, in senso largo, anche quei gruppi miranti a diffondere dottrine contrarie alla scienza o a propagandare poteri taumaturgici, attribuiti a determinati fenomeni naturali, strumenti o persone.

leggi

sunflower-139535_640

La pop art è un movimento artistico che si diffonde principalmente nel dopoguerra, in America e in Europa, come espressione di una nuova cultura moderna, basata su canoni espressivi differenti, che riuniscono fotografia, pittura e nuove formule espressive, unite a tecniche eterodosse basate sulla sperimentazione e il gusto per il kitsch.

leggi

crossword-818827_640

Il successo del cruciverba sembra non essere venuto meno nemmeno con l’avvento della tecnologia digitale. Diverse applicazioni oggi consentono di cimentarsi con questo gioco alfabetico, che ha una storia molto interessante alle spalle, e che per decenni è stato un punto forte delle edizioni domenicali dei vari giornali. Uno strumento di marketing e di vendita, ma anche un modo per tenere allenata la mente. Oggi una delle applicazioni più scaricate è PixWord, un mini cruciverba fotografico non proprio semplice da risolvere, perché bisogna riconoscere l’immagine, che spesso si presenta con uno o più sinonimi rispetto a ciò che rappresenta. Potremmo parlare perciò di bastardizzazione del cruciverba. Esso infatti si presenta tradizionalmente come una griglia composta di caselle quadrate, numerate, in una serie di parole orizzontali e verticali. A una stessa lettera, che si trovi all’incrocio di due parole, possono corrispondere suoni e parole differenti. Le parole in gioco si scrivono nella griglia rispondente a delle definizioni, che vengono fornite secondo la tecnica del quiz, come domande o allusioni convenzionali. Mentre in altri paesi le definizioni sono spesso indovinelli difficili, in Italia è invalso l’uso di mettere solo domande che facciano appello a un patrimonio di conoscenze nozionistico, medio, nel quale manca totalmente il carattere enigmistico della domanda. Essi sollecitano al contrario una risposta immediata, frutto di ricordi ed esperienze scolastiche, con meccanismi semplici simili al gioco dell’unisci i puntini dedicato ai bambini.

leggi

cenacolo-milano

La frase è il climax di un avvenimento storico fondante per la religione cristiana: “in verità, in verità vi dico che uno di voi mi tradirà”. È il momento in cui Gesù, riunito con i suoi discepoli per la celebrazione della pasqua ebraica, nella tradizionale cena della vigilia, annuncia che probabilmente la sua esperienza di predicatore nel mondo sta per finire. E che – peggio – finirà tumultuosamente con la cattura e la delazione di uno dei compresenti. È l’inizio di un giallo: il colpevole è nella stessa stanza di chi lo accusa. Una situazione così drammatica che Leonardo Da Vinci ha perfettamente colto nel suo Cenacolo, ovvero l’Ultima Cena, dipinta nel Refettorio di Santa Maria delle Grazie, a Milano. Il dipinto coglie in pieno la drammaticità della scena. Gesù è al centro, allarga le braccia sconsolato, rassegnato, le mani aperte si offrono ai presenti. I discepoli sono costernati, impauriti, i più si domandano se non hanno commesso qualche stupido errore, se non si siano traditi con qualcuno. Il nervosismo della scena è tale che alcuni di loro si allontanano, altri si avvicinano, c’è chi si alza dal banco, chi alza le mani quasi a giustificarsi e chi ancora indica qualcosa o qualcuno, chiedendo spiegazioni. In questa scena concitata Gesù è comunque sereno, isolato, su di lui Leonardo fa convergere il fuoco della prospettiva. Intorno a lui si determinano le posizioni degli apostoli, inseriti a gruppi di tre, sempre seguendo delle linee prospettiche intuibili dalla finestra alle loro spalle, un crepuscolo appena accennato.

leggi