Come coltivare le rose

Come coltivare le rose

Le rose sono fiori antichi ed eleganti, che da sempre vengono utilizzati per abbellire giardini, terrazzi e spazi all’aperto. Coltivare le rose non richiede conoscenza specifiche, anche se questi fiori, come tutti, richiedono cura e attenzione. Di varietà ne esistono tantissime, tutte profumate e particolarmente amate dalle donne.

Se avete un bel giardino e vi piacciono le rose, allestire un bellissimo roseto è una soluzione perfetta per portare nel vostro spazio eleganza e bellezza. Se non sapete proprio da dove partire, ecco tutto quello che c’è da sapere per coltivare al meglio le rose.

Partiamo dal principio. Le tipologie di rose. Ne esistono molte.

Ci sono le rose botaniche, le più antiche in assoluto, molto resistenti. Crescono in maniera spontanea e comprendono la rosa canina e la centofoglia.

Poi ci sono le rose antiche, ibridi creati partendo dalle rose botaniche, che si trovano per lo più nelle serre specializzate. Fanno parte di questo gruppo la rosa damascena e la rosa alba, coltivata sin dal medioevo.

Le rose tea sono quelle più diffuse. Arrivano dall’Oriente e si chiamano così perché erano inizialmente utilizzate per preparare il tè. Hanno fiori grandi e foglie molto lucide e da questa specie sono stati creati degli ibridi, come la Duke of Windsor e la Madama Butterfly.

Le rose rampicanti sono quelle più adatte ai terrazzi e ai giardini e formano roseti eleganti e molto profumati. Infine ci sono le rose in miniatura, quelle a cespuglio, che non superano mai i 50 cm di altezza. I loro fiori vanno dal rosa al rosso.

Coltivare le rose: come fare passo dopo passo

Vediamo adesso da dove cominciare per coltivare le rose e quali sono tutti i passaggi da seguire con attenzione.

Potete cominciare da un rosaio a radice nuda, che potete acquistare in vivaio o presso qualunque centro specializzato. Per prima cosa, dovrete scegliere la specie di rosa che più vi piace. In vivaio troverete tantissime specie ibride, molto resistenti alle basse temperature e tanto profumate.

Se desiderate coltivare le vostre rose in vaso, perché non avete il giardino o perché non avete spazio a sufficienza per allestire un roseto, la scelta migliore sono le rose floribunde, particolarmente adatte a questa coltivazione perché in genere non superano il metro di altezza.

Se coltivate le rose nel terreno, potete effettuare la messa a dimora in qualunque periodo dell’anno, escludendo i periodi particolarmente freddi e quelli troppo caldi. Per prima cosa, bisogna preparare la buca per impiantare le cose; fatelo quando il terreno non è troppo freddo e ricoprite il fondo con dei piccoli sassi di ghiaia.

Vediamo per prima cosa come procedere con il rosaio a radice nuda.

Scavate una buca di circa 60 cm, inserite la ghiaia per drenare e controllate che che il fondo sia di almeno 10 cm di spessore. Poi inserite il concime naturale, meglio ancora se letame, e poi continuate con un altro strato di terra. Il risultato deve essere una specie di cupola; è lì che dovrete inserire le radici della vostra rosa.

Quindi, riassumendo per step i passaggi da seguire:

  • 10 cm di ghiaia a strati per drenare
  • 10 cm di concime naturale
  • 10 cm di terra
  • 20 cm per l’inserimento del rosaio a radice nuda

Prima di procedere con la messa a dimora, preparate una sorta di composto fatto di terra, acqua e concime e applicatelo sulle radici: in questo modo aderiranno meglio al terreno. Quando le radici saranno completamente coperte, potete procedere con la messa a dimora.

Sistemate ora le radici in cima alla piccola montagna che avete creato e completate il procedimento con altra terra e con l’aggiunta di un po’ di concime ad alto contenuto di azoto. Nel momento in cui coprite le radici con la terra, badate bene a lasciare fuori il punto di innesto. Lo riconoscete facilmente perché si trova appena più in alto dell’attaccatura delle radici. In ogni caso, basta chiedere all’addetto vendita del vivaio al momento dell’acquisto.

Il periodo migliore per procedere all’impianto, varia in base alla posizione geografica e alla zona d’ Italia dove vi trovate:

  • Nord Italia: entro il mese di marzo (clima più freddo)
  • Centro e Sud Italia: entro il mese di febbraio (clima più mite)

Per prendervi cura delle vostre rose dovrete poi adottare questi accorgimenti:

  • Eliminare i fiori appassiti
  • Concimare in primavera
  • Irrigare abbondantemente nei mesi più caldi
  • Intervenire con prodotti specifici se la pianta viene attaccata dai parassiti

Se invece state coltivando le rose Floribunda, allora siete particolarmente fortunati perché questa varietà non necessita nessun intervento di potatura né di rimozione dei fiori appassiti.

Le malattie delle rose

Il primo accorgimento da mettere in pratica per evitare che il vostro roseto sia attaccato dai parassiti è quello di tenere sempre pulite le aiuole circostanti e il terreno intorno. Se un impianto dovesse morire, eliminatelo e pulite con attenzione tutto il terreno intorno, togliete le foglie e i rami in eccesso.

Le rose, purtroppo, sono molto delicate quando si tratta di attacchi parassitari, soprattutto in primavera quando le temperature cominciano a salire. Una delle malattie più diffuse dei roseti è il mal bianco, una malattia causata da un parassita che rende la pianta bianca, come se fosse cosparsa di una muffa.  In commercio esistono diversi prodotti a base di zolfo per contrastare questa malattia.

Se invece notate delle macchie nere sulle foglie, si tratta di Ticchiolatura, un altro fungo che attenta alla vita dei roseti. In questo caso eliminate le foglie contaminate e utilizzate un buon prodotto che elimina i funghi.

C’è poi l’argide, una malattia causata dalle larve defogliatrici che, purtroppo, riescono anche a sterminare un roseto interno. Anche in questo caso, la soluzione è un buon insetticida, da usare però con cautela, seguendo sempre le dosi raccomandate.

Guida Giardino: la guida completa per coltivare fiori e piante

Se vi state avvicinando al giardinaggio e volete saperne di più sul mondo della coltivazione dei fiori e delle piante, Guida Giardino è il portale che fa decisamente al caso vostro. Potrete trovare tante guide come questa, che vi seguiranno passo dopo passo dall’inizio fino alla conclusione dei vostri progetti di giardinaggio.

Spesso si ha una grande passione per i fiori e per tutto ciò che è coltivazione, arredo e composizione floreale, ma non si conoscono abbastanza tecniche, strumenti e prodotti da tenere in casa per la cura delle piante. Ma eccovi la soluzione; su Guida Giardino non mancano mai guide e tutorial, articoli e post di approfondimento tematico, non solo sulle varietà di fiori e piante, ma anche sugli strumenti e le tecniche necessarie. Un passo alla volta, nessuno nasce imparato, keep calm e segui Guida Giardino!

(Visited 9 times, 1 visits today)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.