Come scegliere l’animale domestico

Cane, gatto, canarino, pappagallo. Ci sono molti modi per avere un animale domestico in casa, basta che non appartenga alle specie proibite e pericolose è sempre una buona compagnia. Ma come orientarsi nella scelta?

Anzitutto bisogna scegliere che tipo di animale vorremmo possedere. La scelta più tradizionale si orienta tra il cane e il gatto. Ci sono dei motivi per i quali scegliamo maggiormente questi due animali, il principale è che queste specie sono state addomesticate da millenni, producendo delle sostanziali modifiche attraverso la selezione della specie. Ma a volte si è indecisi e la scelta cade in relazione ai gusti e allo spazio a disposizione. Non è sempre vero che in appartamento sia più facile tenere il gatto che il cane. Il gatto è semplicemente più indipendente e sente meno la mancanza della “passeggiata”, ma in un giardino starebbe da Dio.

Gli animali spesso si acquistano da proprietari che hanno la figliata dei loro stessi amici. Spesso però li si acquista in canili privati o comunali, oppure in allevamenti specializzati. In rete compaiono messaggi di padroni che non possono tenere i figli. L’animale spesso si deve comprare, ma la cosa migliore è l’adozione, si fa del bene a un animale, che sicuramente ricambierà in affetto.

E’ necessario che l’animale sia sano, quando lo scegliete? Diverse persone adottano cagnolini in difficoltà. Importante è sapere lo stato della sua salute, con una bella visita dal veterinario, che può scoprire che tipo di problemi ha che magari non si vedono. In questo modo l’accoglienza per lui si risolverà in un ricovero sicuro. Salvare la vita a un animale, ad esempio un cagnolino zoppo, con una frattura o con segni di morsi e ferite, riempie di gioia e fa stare bene.

Una volta che hai deciso su quale animale orientarti, devi organizzare il suo spazio e la tua vita in relazione alla sua. È assolutamente impossibile che la vostra vita quotidiana non cambi. Se prendete un cucciolo poi dovrete fornire al piccolo tutto l’aiuto possibile, assistendolo giorno dopo giorno nella crescita. Vederlo crescere e ricambiare l’affetto non farà altro che legarvi indissolubilmente. Allo stesso modo bisogna addestrarlo a seguire i comandi, soprattutto il cane non deve crescere anarchico. La cosa migliore da fare è informarsi su tutto: seguire guide di addestramento, interessarsi dei suoi bisogni e della sua dieta e organizzarsi al meglio per permettere all’animale di stare bene. Un gattino ha bisogno di calore e presenza all’inizio, poi però sarà necessario dargli spazio, ama giocare, graffiare, non appena scopre la sua natura felina diventa quello splendido animale indipendente che conosciamo, ma che cerca sempre compagnia quando meno te l’aspetti.

(Visited 4 times, 1 visits today)
Condividi:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*