Cosa intendiamo quando parliamo di Medioevo

Come spesso avverte Alessandro Barbero, uno dei medievalisti più noti per i suoi interventi in TV, il grande pubblico ha una concezione particolare del medioevo, molto diversificata che spesso è basata su ricostruzioni generalizzate, di segno negativo. Eppure se andiamo alla radice del termine, di concezione moderna, il Medioevo era ciò che stava in mezzo, come una sorta di lunga (lunghissima) parentesi tra l’età classica e il neo-classicismo rappresentate dalle persone colte del periodo umanista.

In sostanza il medioevo deve il suo nome alla riscoperta dell’antichità operata durante il tardo Trecento e Quattrocento, anche se gli storici sogliono fissare l’inizio della storia contemporanea alla data della scoperta dell’America. In questo caso il Medioevo viene fatto perdurare per oltre mille anni, dall’anno della caduta dell’Impero Romano (in realtà dell’ultimo imperatore d’occidente, Romolo Augustolo, nel 476) fino al viaggio di Colombo. Un periodo così eccessivamente lungo che non si può prestare a una classificazione tanto larga, visto che l’Europa, cui ovviamente ci si riferisce, ha attraversato diverse fasi.

Il confronto col periodo precedente portava ovviamente a un giudizio di totale disistima su tutto quanto era avvenuto nel periodo successivo alla caduta dell’Impero Romano. Recuperando e reinterpretando le forme classiche, gli umanisti potevano notare la differenza tra la grandezza classica e l’oscurità successiva, tanto che in inglese ci si riferisce al medioevo direttamente col termine Dark Ages, le età oscure.

Quello che presentiamo è un video sul Medioevo, tratto da uno special di Rai Storia in più puntate, che mette in risalto i caratteri e le istanze culturali, civili e religiose sorte in quel periodo, con un documentario di altissima qualità che spazza via il terreno da molti equivoci e soprattutto pregiudizi. Va ricordato infatti che al Medioevo appartengono una serie di invenzioni moderne e capolavori dell’arte, della letteratura e dell’architettura che ancora oggi riscuotono grande ammirazione.

(Visited 22 times, 1 visits today)
Condividi:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*